Radical Chic? Mangiare bucatini cacio e pepe e pagarli 20 euro

Scritto da: -

Con la crisi della società di massa, dello scialacquio volgare e insensato e del conformismo fine a se stesso, l'immagine vincente è quella dei Radical Chic. Non è che loro spendano di meno, eh. Però sono così... "diversi".

bucatini-cacioepepe.jpg

Io non è che abbia mai capito cosa vuol dire, però un giorno mi hanno detto che lo ero e che si capiva dalle mie scarpe. Questa cosa delle scarpe mi ha molto colpito. Quel giorno ero Radical Chic e non lo sapevo nemmeno. Allora mi sono appassionata all’argomento e vediamo se adesso ho capito.

Credo che Radical Chic sia andare in un ristorante dove si mangia su tovagliette di carta grezza come quella delle buste del pane, e ordinare un piatto molto povero come i bucatini cacio e pepe. Però solo se li paghi almeno venti euro, altrimenti non sei Radical Chic ma solo un poveraccio, e quella è un’altra storia. Se poi i bucatini sono pochi, anche meglio. Il Radical Chic deve avere un po’ fame.

Radical chic, credo, è anche non pettinarsi troppo. D’estate, credo, è Radical Chic indossare scarpe di tela o di corda o altri materiali semplici, anche in questo caso solo se costano molto, perché Radical Chic è soprattutto pagare di più per avere di meno.

Radical Chic è essere abbronzati ma solo se è il sole di una barca a vela; se la barca è a motore non sei Radical Chic, ma potresti essere cafone. Se si tratta poi della spiaggia di Fregene non ne parliamo nemmeno: sei mainstream, e sei di un altro pianeta.

Il Radical Chic, poi, fa l’aperitivo in un locale pieno di libri e con i mobili che sembrano vecchi. I libri non li guarda nemmeno, e forse sotto alle copertine ci sono i manuali di istruzione della lavatrice. Però in compenso il bicchiere di vino bianco costa un po’ di più, e allora il Radical Chic è anche più contento. Per l’occasione si è messo pure gli occhiali.

Mi dicono in realtà che categoria e definizione di Radical Chic nasca in ambito politico e culturale, ma oggi finisca con l’essere soprattutto una categoria di consumo.

Il Radical Chic, in questo senso, spende come il cafone per avere quanto il poveraccio.

Mi chiedo se la crisi farà piazza pulita di tutto ciò. Magari un giorno ognuno farà solo ciò che gli va e che si può permettere.

ALTRI LINK:

La crisi è finita: ma come è cominciata?

(Immagine presa da Flickr)

Vota l'articolo:
3.83 su 5.00 basato su 6 voti.