Federica Pellegrini, campionessa antipatica

Scritto da: -

Stasera gareggerà nella finale dei 200 stile libero a Londra 2012 e le critiche contro di lei si sprecano: c'è anche chi spera in un suo insuccesso.

federica-pellegrini.jpg

Viviamo in un mondo pervaso dallo spettacolo. Come una pianta tentacolare si insinua in settori che non gli appartengono: l’arte, la cronaca, la politica, lo sport. E dove arriva cambia le cose, ben più a fondo di quanto qualche scatto patinato o un servizio di gossip lascino intendere. Ciò che lo spettacolo tocca non sarà più lo stesso: nemmeno i meriti di un’atleta tra le più eccezionali che l’Italia abbia mai avuto.

Federica Pellegrini, prima donna italiana ad aver vinto un oro nel nuoto ai giochi olimpici, detentrice dei primati mondiali in vasca lunga nei 200 e 400 stile libero, campionessa olimpica in carica nei 200, unica nuotatrice italiana ad aver battuto dei record del mondo in più di una specialità, è anche bella. E giovane. E molti ce l’hanno con lei.

Forse ha fatto degli errori. Ad esempio quello di compiacersi della propria bellezza mostrandola in comparsate televisive a sproposito, come quelle a Sanremo e ad Amici. O di apparire con troppa facilità sulle copertine dei magazine di moda in pose sexy. O quello di essere oggetto di gossip, prima con la “puntata” sulla fine dell’amore con Luca Marin e il flirt con Filippo Magnini, poi con quella sull’amore con quest’ultimo, che adesso è sbandierato ai quattro venti. O quello di accennare ad un ritiro dopo l’insuccesso nei 400 metri qualche giorno fa, a Londra 2012, salvo poi fare dietro front.

Forse sono stati tutti errori, e c’è chi la odia e la critica: perché la si vede troppo spesso, perché è sicura di sé, perché ha delle uscite brusche, come la recente risposta al giornalista che le ha chiesto: “Tornerai a far sognare gli italiani?“, sentendosi rispondere “spero di poter tornare a sognare io“.

Cosa resta di Federica dopo che i rilfettori si sono accesi su di lei e che lei, di certo, si è lasciata illuminare? Io, tutto quello che vedo, è una ragazza di ventitré anni che è un patrimonio dello sport italiano. E faccio il tifo per lei. (Immagine sport e motori)

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Messainscena.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano