Uomini e sale (scarso) nella pasta: quel dettaglio che li fa imbestialire

Scritto da: -

Spiegatemi perché, davanti ad una pasta a suo parere non sufficientemente salata, anche il più placido dei maschi diventa un bruto senza cuore.

pastasciutta.jpg

Lui può essere il più tenero degli esemplari maschili viventi, il più adorante degli innamorati, uno di quelli che ti dice che sei bellissima anche quando le occhiaie ti deturpano il volto, che sei la più brava anche quando il mondo ti dice che brava non sei, che un tuo sorriso basta a rischiarare il suo universo, che qualsiasi cosa che fai per lui vale più di un milione di euro.

Lui, che davanti ad un pollo carbonizzato potrebbe al limite assicurarti che tutto sommato la carne gli piace abbrustolita, che davanti ad un soute di vongole sabbiose sarebbe capace di sospirare che, in effetti, così gli ricordano di più il mare, che di un risotto molliccio perchè troppo cotto riuscirebbe ad apprezzare il tempo aggiuntivo che gli hai dedicato…

Lui, invece, davanti ad una pasta asciutta da te arrangiata in pochi minuti dopo il lavoro, per preparare la quale hai rinunciato a lavarti i capelli perché tutto sommato ti faceva piacere fare qualcosa per lui visto che stasera sarebbe stato stanco e forse più stanco di te, un piatto semplice ma con tanto pomodoro, come piace a lui, e senza aglio perché l’aglio non lo digerisce, e cotta al dente perché lui la vuole così, ma nella quale, malauguratamente, non hai azzeccato alla perfezione la quantità di sale, perché quella è impossibile azzeccarla ogni volta alla perfezione, diciamocelo, a meno di possedere una bilancia di millimetrica precisione, beh nella migliore delle ipotesi lui, dopo aver assaggiato quel piatto, trasformerà i suoi occhioni da cerbiatto in un unico, funesto occhio da ciclope, si volterà disgustato verso il battiscopa per malcelare l’insofferenza, ti lambirà con lo sguardo come non meritassi di essere guardata proprio dritta in faccia, e ti dirà, con terrificante distacco: certo che un po’ di sale ce lo potevi pure mettere.

E qui sarà inutile che cercherai di convincerlo che il sale ce lo può pur sempre aggiungere, perché lui ti dirà che “non è la stessa cosa”, o al limite lo aggiungerà rassegnato e amareggiato, con la faccia di chi gli è toccato rimediare alla buona ad un pasticcio comunque irrimediabile.

Uomini, vi prego, spiegateci perchè, e rivelateci, una volta per tutte, cosa si nasconde dietro la faccenda del sale nella pasta.

(Immagine: Flickr)

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Messainscena.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano