Benetton ritira il Papa che bacia l'Imam, che peccato

Scritto da: -

Che Benetton ami scioccare "purchè se ne parli" lo sappiamo bene. Ma sinceramente, dei vantaggi in termini di notorietà da parte della Benetton io me ne frego anche. A me, l'immagine del Papa che bacia l'Imam piaceva parecchio.

benetton.jpg

Che Benetton ami scioccare “purchè se ne parli” lo sappiamo bene.

E la campagna di lancio della fondazione UNHATE, contro la cultura dell’odio nel mondo, è provocatoria in modo lampante. Un’accoglienza benevola dal Vaticano per il bacio sulla bocca tra il Papa e l’Imam era impensabile, tant’è che Benetton ha già deciso di ritirare l’”immagine-scandalo.

Tanto per far parlare un giorno è più che sufficiente.

Sui forum si grida alla stupida provocazione, al marketing senza scrupoli, e in quanto grande azienda alla Benetton viene immediatamente affidato il ruolo del nemico che ci vuole fregare.

Io, sinceramente, dei vantaggi in termini di notorietà da parte della Benetton me ne frego. A me l’immagine del Papa che bacia l’Imam piaceva parecchio. Scioccante o no, provocatoria o no, rompe uno schema mentale. Crea qualcosa che la nostra mente non avrebbe mai concepito, e questo ci fa bene.

Combatte la cultura dell’odio? Non lo so, di sicuro smuove la fantasia e abbatte categorie psicologiche, e solo Dio (qualunque esso sia) sa quanto ne abbiamo bisogno.

La reazione del Vaticano (e anche quella di Obama) era inevitabile ma la nostra? Nel 2011, con tutto il potere della nostra immaginazione che le nuove tecnologie hanno liberato, forse siamo un po’ troppo “grandi” e comunicativamente evoluti per metterci a porre limite alle idee con le nostre paure.

(Guardate tutte le immagini della campagna qui)

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!